Soccorso Bellagio - ANPAS

- Urgenze ed emergenze

 
Sei qui: Home » Attività » Urgenze ed emergenze
 




logo ANPAS lombardia


Questo servizio è effettuato per il 118 S.S.U.Em. e consiste nel mettere a disposizione un ambulanza B.L.S. attrezzata per il pronto soccorso, in piena efficienza e pronta a partire. Ogni giorno ed ogni notte dell’anno (non importa se feriali o festivi, di Natale o di Ferragosto), 24 ore su 24, nove volontari, (3 per ogni turno), danno la loro disponibilità a rispondere alle chiamate del 118. A questo scopo tali soci si muniscono di un cercapersone che utilizzano per la durata del loro turno. I volontari si impegnano ad essere pronti a partire nel più breve tempo possibile. Se vivono vicino alla sede continuano le loro attività abituali ma se abitano lontano passano il tempo del loro turno in sede. Quando un operatore del 118 riceve una richiesta di soccorso da Bellagio o zone circostanti, attiva i cercapersone via radio. Immediatamente un volontario telefona al 118 per sapere la destinazione, il tipo di intervento da eseguire, la sua gravità ed insieme agli altri si reca velocemente in sede per partire con l’ambulanza. Mentre l’ambulanza esce per la chiamata, viene attivato il collegamento radio con la centrale del 118, per comunicare l’avvenuta uscita e ricevere eventuali aggiornamenti della situazione. Giunti sul posto, effettuata una prima valutazione dell’accaduto, il volontario caposervizio telefona al 118 per comunicare i dati, richiede, in caso di necessità, un supporto medico, (elisoccorso, automedica), e riceve dall’operatore del 118 l’indicazione della destinazione, cioè l’ospedale più vicino che, in quel momento, ha disponibilità di posti al pronto soccorso per quel tipo di urgenza o emergenza sanitaria. In casi particolarmente gravi organizza l’incontro con il medico mandato dal 118. Dopo aver effettuato l’intervento ed essere rientrati in sede la squadra pulisce, disinfetta e ripristina le attrezzature e l’ambulanza, per essere pronta a partire per una eventuale chiamata successiva. Non ha importanza se i volontari siano stanchi o se siano le 3 di notte.

Per poter effettuare questo tipo di servizio, il volontario deve aver seguito un corso in cui impara a soccorrere correttamente un infortunato o un malato, aver sostenuto un esame per conseguire un patentino come soccorritore esecutore e partecipare ogni mese ad esercitazioni per tenersi aggiornato sulle manovre di soccorso.